donnerunning

blog e guida semi-seria al running al femminile!

Grande e grazie Ivana!! 29 aprile 2013

Ivana di Martino ce l’ha fatta!
Per motivi vari non sono riuscita purtroppo a seguirla in almeno 1 delle sue corse attraverso l’Italia…l’ultima tappa da Monza a Milano.
Sei stata grande, un esempio di tenacia e di forza…e di resistenza!
Nel suo blog ha scritto “In questi giorni ho pensato cosa abbiano in comune le persone che corrono. Direi l’idea ed il bisogno di libertà! (…)”…d’accordissimo, è ciò che ha spinto anche me a dedicarmi a questo bellissimo sport.
Grazie Ivana!

http://21voltedonna.wordpress.com/

.facebook_-138803321
(di Fabrizio Cosi)

http://www.podistidamarte.it

Annunci
 

Tutto si può fare – Ivana Di Martino 7 febbraio 2013

Buongiorno donne,
quando altri settori della vita non vanno magari come vorremmo…la corsa può essere una valida amica e un sostegno, oltre che uno sfogo alle energie negative che sono in ognuno di noi.
Oggi voglio pubblicizzare il blog di un’altra runner – Ivana Di Martino – certamente più allenata e in gamba di me…che ha deciso di fare una bella impresa per sè stessa, per le altre donne e per una buona causa!
Leggete e sosteniamola:
http://21voltedonna.wordpress.com/

“Tutto si può fare”!
Alla prossima
Marta

 

Buon 2013…di corsa!!! 3 gennaio 2013

Buon anno a tutti e alle donne in particolare!

Avete già iniziato l’anno nuovo con una bella corsetta?! Le temperature di questi giorni aiutano, non fa molto freddo!

Io ho concluso l’anno con una bella tapasciata a Moncucco il 30 dicembre: 12 km circondata da campi e alberi ricoperti di ghiaccio…molto carina…e ho preso anche un premio (il primo e probabilmente l’ultimo!) in cibo di varia natura (arrivata tra le prime 10 donne sotto i 40 anni).

L’anno nuovo lo inizierò il giorno della Befana a Desio con un’altra bella corsetta che ho fatto anche l’anno scorso…gelo permettendo!

E voi? Per iniziare bene il 2013 un piccolo “memo” sui benefici della corsa:

rana correre

(fonte: http://www.pisarrc.it/Perchegrave-correre-Impara-dalla-rana.htm)

A presto donne!!

 

Riflessioni di dicembre… 17 dicembre 2012

Buongiorno a tutti!

E’ un po’ che non scrivo, principalmente per motivi personali ma anche perchè dovevo riprendermi definitivamente dalle fatiche della maratona e dei miei piedi (malconci)…!

Fine anno è una bel momento per la passione per il running…il freddo estremo NON deve fermarci l’importante è attrezzarsi adeguatamente, vestendosi con materiale tecnico (d’inverno più che mai indispensabile), coprendosi anche le orecchie e le mani e stando attenti ai percorsi con ghiaccio e neve…la parola d’ordine è divertirsi, non infortunarsi o ammalarsi!

Ma fine anno (si sa) è anche tempo di bilanci e di programmazione dell’anno nuovo…la mia avventura nella corsa è iniziata più seriamente  a gennaio 2012, con l’iscrizione all’Ortica Team e il certificato agonistico…e devo dire che in un anno sento di aver già raggiunto importanti obiettivi e di divertirmi più di prima, quindi l’avventura continua!

E’ bello studiare i calendari delle corse del 2013 in Italia e all’estero e decidere cosa fare…i prossimi piccoli-grandi obiettivi e i viaggi alla scoperta di città e posti splendidi…! Mezza maratona delle due perle a Portofino? Maratona di Roma a marzo? Mezza maratona di Chia in Sardegna? Mezza maratona di Lisbona……..?! C’è l’imbarazzo della scelta e non si può fare tutto! Riflettete gente e decidete quali saranno i prossimi step…non importa di quale entità , saranno solo i vostri!

Infine il periodo delle feste e del Natale è ricco di manifestazioni legate alla corsa, molto divertenti oltre che in molti casi benefiche! Questa settimana ad esempio i Podisti da Marte hanno 2 appuntamenti importanti: la presentazione del Libro Marziano martedì 18 dicembre, la Christmas Mission giovedì 20 dicembre…tutti vestiti da Babbo Natale! Per info www.podistidamarte.it

Concludo questo lungo post con un paio di foto della cena di Natale dell’Ortica Team in una balera dello storico quartiere di Milano…per chi come me pensa che la corsa sia prima di tutto gioia, divertimento e il piacere di fare qualcosa insieme che faccia bene al proprio spirito oltre che al proprio corpo…:)

2012-12-11 20.31.46

2012-12-11 22.40.38

 

Riposo forzato… 5 dicembre 2012

Eccomi qua a più di una settimana dalla maratona e non ho ancora ripreso a correre! Finalmente però nel weekend ce la farò…quale problema ho avuto? Ma il solito: i piedi!!

Questa volta vi risparmio le foto…anche perchè di 10 unghie sane ne sono rimaste ben poche…! Su Internet si legge di tutto ma ormai sono quasi certa di aver trovato la scarpa giusta e anche la calza è adatta e molto tecnica…quindi sono io che ho una forma del piede e delle unghie che probabilmente mi predispone rispetto ad altri…quindi l’importante è imparare a conviverci al meglio!

Questa volta il problema era un forte dolore ai due alluci, in particolare al sinistro, che addirittura si irradiava sotto la pianta del piede fino alla gamba…credo di aver avuto le unghie incarnite…probabilmente per il trauma a lungo subito.

In ogni caso ho risolto con un prodotto che vi suggerisco:  le soluzioni “ammorbidenti” per unghie incarnite, ce ne sono di varie marche, sono un liquido che si applica facilmente ai bordi dell’unghia…qualche giorno di pediluvi con il bicarbonato di sodio e tanto riposo…e sono pronta a ripartire!!

Alla prossima allora!

2012-12-05 13.29.07

 

Firenze mon amour… 28 novembre 2012

Domenica 25 novembre: sveglia alle 6,30, per la verità non è che abbia dormito molto la notte…lenta preparazione e “rito” di vestizione, colazione con fette biscottate e marmellata (e tanta acqua) e poi ci incamminiamo (a piedi, per 2-3 km) attraverso la città ancora silenziosa verso la partenza, Lungarno Zecca Vecchia e Lungarno Pecori Giraldi…voglio godermi la lentezza dell’attesa, vedere le facce della gente, sentire la tensione che sale…!

Il cielo è un po’ grigio ma non sembra minacciare pioggia, la temperatura è ideale…lasciamo la borsa al deposito dopo aver scelto definitivamente come vestirci e ci incamminiamo verso l’ultima “gabbia”, cioè l’ultimo gruppo in coda agli altri (essendo la prima maratona non abbiamo tempi ufficiali e dobbiamo stare in fondo!) per un po’ di stretching e di riscaldamento. E’ bellissimo, si sentono parlare moltissime lingue: inglese, americano, francese, tedesco, spagnolo…facce sorridenti, donne ce ne sono soprattutto straniere.

Dopo qualche minuto sentiamo che gli altri sono partiti ma noi essendo in coda a tutti possiamo solo camminare per ora…buttiamo via il pile che ci ha scaldato fino a quel momento e si parte! Un saluto ad Andrea, che vedrò tra qualche ora…in bocca al lupo! Partono i cronometri e iniziamo a correre: il percorso è una specie di “otto” la prima parte verso il Parco delle Cascine…poi si torna più o meno indietro e si percorre il centro storico, ci si riallontana per la seconda parte dell’otto verso la zona di Campo di Marte e infine ci si riavvicina al centro storico per arrivare in Piazza Santa Croce.

Detto così sembra quasi facile…in fondo sono solo 42 km e 195 m….che in alcuni punti per me scorrono veloci e entusiasti ma in altri sono lenti e pesanti come il piombo…! Il percorso è molto bello, qua e là ci sono passanti e turisti che ti incitano e ti caricano applaudendoti, fischiando, urlando…ogni 5 km circa c’è un ristoro con acqua, sali, the caldo, e spesso frutta o altri dolcini…io prendo solo acqua o sali non voglio appensantirmi.

Ci sono anche i “pacemakers” con i loro palloncini colorati, che tengono un ritmo costante e ti danno consigli per riuscire a finire la maratona in un tempo stabilito…sono simpatici e per un po’ corro con loro. Qua e là ci sono anche postazioni musicali con gruppi e giovani che cantano e suonano per incitarci…musica rock…bellissimo!

La fatica come sempre si fa sentire dopo la mezza…fino al 25° km reggo bene il ritmo, poi una pausa “pipì” più lunga del previsto (per l’attesa ai bagni chimici…) mi sega le gambe e comincio a sentire l’acido lattico che mi “invade” e mi rende le gambe di legno…rallento ma procedo sempre di corsa, solo qualche passo di cammino ai ristori per prendere fiato e bere un po’ di sali, oltre al mio integratore (carboidrati “veloci”, che qua e là prendo a piccoli sorsi).

Il passaggio in alcune piazze storiche della città è splendido e ci si distrae dalla fatica che si fa sempre più pressante…in piazza Duomo poi c’è un sacco di gente e riconosco anche un paio di amiche! Gli ultimi chilometri sono uno strazio…sono lenta e per la fatica ho la nausea…resisto alla voglia pressante di mettermi a camminare perchè so che in questo modo mi fermerei del tutto…corro lenta ma devo correre! L’obiettivo è vicino e l’orgoglio per fortuna ha la meglio…gli ultimi 2 km scorrono lentissimi ma alla fine….arrivo!!

Non appena vedo la mia amica Isa e i suoi figli al ristoro finale dopo aver preso la medaglia scoppio a piangere…per la felicità, per la fatica…ma è un pianto pieno di gioia e di adrenalina non di disperazione…i mesi di preparazione e la concentrazione degli ultimi giorni sono valsi a qualcosa…ce l’ho fatta, l’ho conclusa!! Certo il tempo farebbe sorridere qualcuno (4 ore e 37 minuti) ma se a gennaio, quando mi sono iscritta all’Ortica Team, mi avessero detto che sarei stata in grado di correre quasi 5 ore sarei scoppiata a ridere io…

Qualche note organizzativa: Firenze non mi ha deluso, oltre a essere una delle città più splendide al mondo, secondo me è stata organizzata bene ed è molto “internazionale”, certo non ho esperienza di maratone ma qualche mezza e garetta l’ho fatta. Sono stati molto efficienti: deposito borse, ristori, ecc nel pacco gara oltre ad una maglietta tecnica bellissima ci hanno dato anche il “sacco” per riscaldarci prima della partenza e all’arrivo il telo argentato per non prendere freddo. Ai ristori ho apprezzato che i beveraggi erano distribuiti in bicchieri e non si sono sprecate migliaia di bottigliette di plastica (che dopo 2 sorsi finiscono in terra…); uniche note negative forse il ristoro finale un po’ “parco” (considerato che si arriva affamati come lupi!) e il fatto che per raggiungere la partenza non c’erano autobus nè navette dell’organizzazione…per cui o si prendeva un taxi o si andava a piedi.

Molte immagini di questa splendida giornata mi rimarranno impresse nella mente…e non importa se ora devo combattere con i dolori alle gambe e le unghie doloranti e nere…alla prossima!!

Stretching alla partenza…capovolta!

Cambio con abiti asciutti e in posa con la medaglia!

 

– 2….alla città di Giotto e di Botticelli! 23 novembre 2012

la tensione sale…e anche l’emozione…e la felicità!

Domani parto per Firenze, speriamo che questa splendida città posa rimanermi nel cuore anche per la mia prima piccola grande impresa sportiva…!